La non-più-ragazza.

image

Tamponamento a catena di troppi caffè.
Ti alzi senza accendere la luce. Vai in cucina a fumare una sigaretta.
Non hai la tivù, guardi dalla finestra.
E vedi la non-più-ragazza che aspetta all’incrocio, da ore, da sempre, aspetta di attraversare, aspetta qualcuno.
Stasera ha anche un ombrello, che sta appeso di fianco alla targa col nome della via.
Passano le macchine, qualcuno le da un colpo di clacson, forse la saluta, lei ignora.
Poi un auto rallenta, mette la freccia, accosta, e tu ti ritrovi a sperare che se la portino via.
E invece niente. Solo un’inversione a u.
Da dove ti trovi non riesci a vedere se prova la tua stessa delusione.
Intanto, aspetta.
Fa qualche passo, si sistema la frangetta.
E tu ti chiedi: se é stanca anche lei di stare in piedi
Come te
Se anche lei si chiede come arrivare alla fine del mese
Come te
Se anche a lei sembra non finire più questa notte.
Poi spegni la sigaretta e ritorni in camera.
Ti chiedi: chissà se la sognerai, la non-piu-ragazza con la frangetta e l’ombrello che veglia sull’incrocio sotto la tua finestra.
Poi ti stendi a letto, senza sonno.
Una carezzina ciascuno, poi nanna.
Siamo in tre: uno, due, e tre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...